malattia in evoluzione, evoluzione in malattia

la paperella è schienata da 2 giorni dall’otite acuta e bilaterale. talmente acuta e talmente bilaterale che la pediatra l’ha diagnosticata guardandole l’orecchio sbagliato. al mio timido "ma le dice che le fa male l’altro" ha strabuzzato gli occhi: "stiamo a posto, allora!", si è spostato e ha inserito 2 millimetri di strumento nell’orecchio prima di estrarlo velocemente "qui si vede a occhio nudo!".
risultato: 10 giorni di antibiotici. un attacco di mammosità pari a quello di un koala neonato. una temperatura corporea in grado di far sudare una salamandra afgana (perchè la paperella, da sempre, non contempla la febbre sotto i 38.7. o più alta, o niente). in compenso ha misteriosamente interrotto – vorrei dire smesso, ma meglio non illudersi – gli insopportabili capricci continui per i quali ha rischiato più volte di essere strozzata nell’ultimo mese.

per motivi assolutamente ignoti, il minimeo in contemporanea al declino sorellifero si è dapprima beccato la congiuntivite, e, in concomitanza, ha scoperto improvvisamente che la vita non è poi così male. che il cibo non è poi così male. che giocare (purché nessuno tenti in alcun modo di proporle qualcosa di diverso da ciò che lei ha in mente) non è poi così male.
quindi, in perfetto stile minimeo, si è avventata su tutte queste cose con voracità, ferocia, e una dose di tigna degna di una tigre in calore.
risultato: 10 giorni di collirio antibiotico. una panza da bevitore di birra tale che nell’arco di una settimana le maglie le lasciano l’ombelico scoperto (molto trendy, e per fortuna che è primavera… perchè ovviamente i body lei non li vuole mettere, quindi va in giro panciallaria). una serie di ululati per andare a letto mai fatti in precendeza (per la serie: proprio ora che mi stavo cominciando a divertire…?!?)

decisamente la logica in casa mia non trova un tetto…

Category: varie
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
2 Responses
  1. Ma perché cercare della logica? L’unica logica da applicare ai bambini è: "sono imprevedibili e quindi non posso prevedere cosa faranno"

    :)

  2. Anonimo says:

     e del resto, vedendo chi frequenta di norma casa tua, la logica avrebbe vita breve comunque…scapperebbe a gambe levate alla prima discussione di fronte ad un frizzantino…

Lascia un Commento