ma quando è successo?

la paperella sta diventando grande.
lo so lo so, forse fanno più impressione i progressi clamorosi del minimeo che, abbandonato decisamente il gattonamento, cammina, balla, fa le scale, fa ciao ciao e bacia rumorosamente sulla guancia, batte le manine. tutto, ovviamente, a patto che non glielo si chieda. se provi attivamente ad ottenere qualcosa regredisce immediatamente allo stato di pupazzo stanco. o di iena ululante. o, alla peggio, di cozza tenace.

e invece la paperella fa passi da gigante. forse è la crescita della sorella che le sta facendo fare un balzo, ma ha iniziato a fare cose da grandi.

  • ogni tanto, mentre faccio altro, mi sento osservata. e se alzo gli occhi, vedo lei che mi guarda. non guarda quello che faccio: guarda me, mi studia. e pensa.
  • ogni tanto prende un libro, anche mai visto, dalla biblioteca. poi si siede, inizia a sfogliarlo e a raccontare la storia, guardando le figure.
  • mette in relazione storie fatte dallo STESSO DISEGNATORE. e mi chiede: ma queste storie sono del topo tal dei tali? (no, ma le ha disegnate lo stesso autore, e riconosci il tratto, forse inconsciamente).
  • riconosce i posti, quando ci passiamo davanti in macchina, anche se i tragitti non sono abituali. mercoledì tornando dal laboratorio ho sbagliato strada e sono passata davanti a una chiesa in cui il mese scorso siamo stati a messa qualche volta, e lei: mamma, guarda, qui c’è la messa!
  • ogni tanto fa capricci paurosi, ma più spesso tenta diverse strade per ottenere quel che vuole: se l’urlo non funziona, prova il lamento, o la coccola, o il mostrare come è brava per averlo in premio… e intanto sonda le nostre reazioni. (in compenso, quando fa i capricci è una roba tremebonda).
  • e stasera a cena, mentre sbafava allegramente un wurstel, ha guardato la bottiglia di plastica che era in tavola (nemmeno troppo vicino a lei) e ha esclamato: uno! UNO! lì c’è scritto un uno! "ma va là! scusa, dove, paperella?" le abbiamo avvicinato la bottiglia e, con decisione, ha indicato la scritta in piccolo in basso: "1,5 litri". e poi ha aggiunto, indicando la fine della dicitura "san matteo": "ecco, e lì, quella lì è una O"…. 

… e come cappero l’hai scoperto, tu, minuscola, irrefrenabile, travolgente, nata-ieri paperella?

Category: varie
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
One Response
  1. 1 passo dopO l’altro, la paperella di stupirà sempre di più :)

Lascia un Commento