Archive for » marzo, 2013 «

buoni propositi leprepazzoidi (!)

qualche giorno fa, a cena.

leprepazza, serafica, piegando un tovagliolo: “io da glande falò come lapelonzolo“.
io: “in che senso?
babbo (in un impeto di genio): “nel senso che scapperai di casa di nascosto prima di diventare maggiorenne con un ladro vagabondo senza un soldo di passaggio?
l, aprendosi in un largo sorriso: “SI’!

l’importante è avere degli obiettivi chiari e dei modelli educativi sani!

… e dopo averci pensato un altro po’ la candida faina ha aggiunto: “ah, e avlò dei capelli biondi luuuuunghissimi!!!
ora sì che mi sento rassicurata…

barando sull’età

l’altra sera prima di cena, la leprepazza mi dichiara, spavalda.

l: “io ho 4 anni
io: “sì. no, no. tu ne hai 3, appena compiuti. è tua sorella che ne ha 4.”
l: “ah. ba bene.
attimo di silenzio.

l: “mamma…
io: “eh?”
l: “a  quanti anni ci si sposa?
io: “eh????”
l: “a 4 anni mi sposo?
io: “no, ce ne vogliono un bel po’ di più, mi spiace per te. è per quello per baravi sull’età?
l: “sì. pelchè io voglio sposalmi.
io: “bene, ci penseremo quando è tempo.
l (buttandola lì con disinvoltura): “io sposo il babbo, quando ho gli anni giusti.
paperella, (intervenendo dopo aver drizzato le orecchie): “anch’io!”
io: “no, mi spiace, di questo non se ne parla proprio. l’ho già sposato io
bimbe: “ah. neanche all’età giusta?
io: “no. niente da fare. ha già dato.
l: “peccato… mhm… vabbè, allora sposelò compagnocchiblu.

per questa volta mi son tenuta il marito!

Eccoci qua

inauguriamo la nuova casa del blog!

eccoci qua, su questo nuovo indirizzo: mollichedipane.it.
grazie al viandante per tutto il suo supporto tecnico, che riesce a superare anche la mia inabi-osti-litità con le nuove tecnologie…

ci riaggiorniamo presto con le molliche raccolte in questi giorni, e appena possibile anche con la grafica nuova (ci stiamo lavorando, si accettano suggerimenti).

Category: varie  3 Comments

musica e tamburi

l’altro ieri siamo in macchina tornando dall’asilo. alla radio parte "eye of the tiger" (avete presente? la colonna sonora di un qualche Rocky, per capirci).
la paperella si riscuote dalle sue meditazioni con lo sguardo perso fuori dal finestrino ed esclama: "mamma, questa sì che è una musica dei grandi che mi piace!"
alla faccia delle vocine bianche delle canzoni per bambini…
e poi aggiunge, ignara: "senti che bello, mamma: tum-tum-tum!! senti come si sentono bene i tamburi, qui!"

ballerina di danza classica e batterista.
ha una carriera, davanti…

Category: varie  Leave a Comment