Archive for » agosto, 2012 «

il gioco dei mimi (paperella’s version)

questa estate tra le mie figlie – e di conseguenza tirando in mezzo noi genitori – impazza il gioco dei mimi: indovina, che animale sono?
sembra banale…. invece ecco alcune chicche che dimostrano la difficoltà della questione.

inizio agosto, in un qualche punto della germania, arrivati cotti a sera in appartamento.
p, iniziando a camminare lentamente a quattro zampe: "indovina, mamma, sono grosso!"
io: "l’elefante?"
p: "no, sono grosso e vivo nella foresta"
io: "mhm.. l’orso?"
p: "no, sono feroce!"
io: "ma l’orso… vabbè. il leone!"
p: "no, io non l’ho mai visto, invece il leone l’ho visto al bioparco. e poi il leone non vive nella foresta, mamma!"
io: "uh, già, se vogliamo sottilizzare sta nella savana (come riportato dal libro con gli adesivi di tua sorella che. si vee, hai studiato a lungo). vediamo… il rinoceronte!"
p: "no…  più grosso!"
io: "BOH!"
p: "mamma, è facile: il DINOSAURO!"

rimini, casa dei nonnigiù, verso il 20 del mese.
p, incastrando sua cugina grande a giocare: "indovina chi sono!" e inizia a girare per la sala sbattendo lentamente le braccia.
c: "una farfalla?"
p: "no, inizia per la A"
c: "un’aquila!"
p: "no"
c: "un albatros?"
io: "mo’ non esageriamo, non sa neanche cos’è!"
c: "ma c’è in bianca e bernie nella terra dei canguri!"
io: "complimenti per la cultura classica, ma ancora lei non sa che quello è un albatros..."
p: "comunque non è un abbatrosh e neanche un canguro"
c: "un’anatra!"
p: "no, più grande"
io: "grossoaspetta, lo so, è un dinosauro volante?"
p: "non inizia per la A!"
c: "un’ape?"
p: "ho detto più grande!!!"
io e la cugina ci guardiamo interrogative. "un altro indizio, paperella?"
p: "ho gli occhi brillanti"
c: "sicura di non essere un’aquila?"
p: "ho detto di no"
io: "un alligatore con le ali?"
p: "cos’è?"
io: "lascia stare…"
p: "proprio non ci arrivate? è facile!"
noi: "immagino… no, ci arrendiamo!"
p: "sono un ANGIOLETTO!"

ieri in macchina, rientrando in casa dei nonnigiù dalle lande di vizerbellabeach.
paperella e leprepazza, sedute sui seggiolini posteriori, iniziano a giocare (in realtà stavano già giocando a mamma-e-figlia. poi iniziano a giocare a mamma-e-figlia-che-giocano-ai-mimi). ovviamente la mobilità è ridotta, quindi più che altro chiacchierano.
p: "indovina: sono grande!" (un dinosauro? un dinosauro alato? un angelone?)
l: "mhm… un cane!"
p: "no, più grande"
l: "lo so: un gatto!" (ma che gatti hai visto tu? ah, solo molotov, il gatto del geco. tutto si spiega)
p: "noooo, più grande!"
l: "un elefante!
p: "esatto! ora sono più piccolo, e vado a 4 zampe"
l: "un cane!" (un po’ più di fantasia no, eh?)
p: "esatto!" (ma come? solo con me i dinosauri e gli angioletti??)
l: "e poi?"
p: "adesso sono piccolo e faccio miao"
l: "il gatto!"
p: "bravissima! adesso invece sono un po’ tutti e 3, ho la proboscide, mangio gli ossi e faccio miao" (!!?!!)
l: "allola sei un ELEFANTECANEGATTO!"
p: "sììì!! tu sì che sei proprio brava, figlia…"

Category: varie  Leave a Comment

identità segrete

la leprepazza, sbocciata come al solito nei mesi marittimi, oltre a non stare zitta un secondo e a sembrare un’incrocio mulatto-slavo, ci ha rivelato in questa calda estate alcune delle sue identità multiple. insieme al carattere che sta tirando fuori e alla sfrontatezza che la contraddistinguono, probabilmente è un segnale che ormai da tempo lavora per i servizi segreti.
ecco alcuni personaggi che, abbiamo scoperto, si nascondono sotto le ingenue sembianze di duenne con le fossette:

  • il cane giommo (misteriosa creatura che talvolta cambia corpo, impossessandosi e trasformandosi a turno in leprepazza, nella mamma, nel babbo, o in zii di ventura – talvolta anche in gruppo: "oggi voi siete il cane giommo" "ah! tutti insieme?" "sì, siete diventati un solo cane giommo")
  • giallina, la mucca birichina (caratterizzata dall’assenza di parola, la mucca vaga in luoghi di preferenza chiusi, muggendo sommessamente e urtando persone e cose con la testa. dimostra, inoltre, una spiccata tendenza a manifestarsi nelle regioni oltralpe e al termine dei pasti, assalendo sulla schiena l’ignaro padre: "leprepazza cosa fai in piedi sulla panca? non hai finito di mangiare!" "non sono la leprepazza, sono giallina-la-mucca-bilichina e ora ti salto sulla schiena. muuu!")
  • gongola la vongola (frutto di mare facilmente riconoscibile dall’incredibile capacità adesiva, se possibile si manifesta invece in acqua o in spiaggia, nelle vicinanze di un genitore, preferibilmente di sesso femminile: "leprepazza ti scolli di dosso? mi stai affogando!" "no, sono gongola-la-vongola e sto attaccata allo scoglio mamma")
  • la cagnolina sofia (tutto si ignora sulle ragioni del nome di questa bestiolina, rintracciabile dalla comparsa, sul corpo dei genitori, degli zii e della sorella, di zone umidicce, volgarmente denominate "lecchi" o "leccotti": "leprepazza, la pianti di leccarmi le braccia? ti sembro un gelato?" "non sono la leprepazza, sono la cagnolina sofia e siccome sono piccolina do i lecchi a tutti". anche questa creatura, originariamente comparsa in germania, ha poi evidenziato una passione per le apparizioni sulla spiaggia, quando le braccia della mamma sono salate per i rimasugli dell’acqua di mare).
  • i 4 cammelli (esseri mitologici che viaggiano esclusivamente in carovane di 4, "uno losso, uno alancione, uno nelo e uno fukcia" sono, come tutti sanno, particolarmente avidi d’acqua. "leprepazza, la smetti di bere che ormai sei una zampogna?" "no, ieri ero una zampogna, oggi non lo sono più. oggi sono 4 cammelli: uno losso, uno alancione…" ovviamente i 4 cammelli compaiono o in momenti di totale assenza d’acqua negli zaini e nelle borse, oppure durante i viaggi in macchina, così da costringere poi la famiglia a fare ennemila soste, visto il recente – e ancora delicato e complesso – spannolinamento della leprepazza).

appena le nostre intercettazioni ci riveleranno altri dettagli su questa misteriosa agente, ve li riferiremo…

Category: varie  One Comment