Archive for » gennaio, 2012 «

ruffianeria linguistica

sabato pomeriggio siamo stati al Farneto, un posto incantevole vicino a Bologna, dove una volta al mese c’è il ritrovo di Famiglie per l’Accoglienza, associazione di famiglie fantastica di cui facciamo parte anche noi, e anche la famiglia dei miei cognati.
durante la cena la paperella assediava la "ziamatta" (storpiatura paperellesca da "zia Mati", come la chiama il babbo…) con alcuni libri trovati nei paraggi. mi hanno riferito questa conversazione.

p: "zia mi leggi questo?"
z: "va bene. c’era una volta…" segue lettura della favola di turno.
p: "adesso zia mi leggi quest’altro?"
z: "va bene, dai… "
p: "e ora questo, me lo leggi?"
z: "mhm… va bè, ancora questo poi basta"
p: "zia mi leggi anche questa?"
z: "no, dai, adesso basta. fai qualcos’altro, vai dallo zio a farti raccontare una storia inventata, dai."
p: "ma zia, io avevo preso questo libro perché tu me lo leggessi..."
…il congiuntivo ha fatto breccia nel cuore di prof della ziamatta: "paperella, hai fatto una frase troppo bella… dai, vieni qui che ti leggo anche questo!"

la ruffianeria paperellesca non conosce confini…

Category: varie  Leave a Comment

gusti canori

alla scuola "tatenna", come la chiama la leprepazza, o materna – per gli altri comuni mortali – si canta un sacco.
secondo me è una cosa bellissima: il canto è proprio un’espressione naturale di gioia per quello che c’è, e in più avere per casa due patafrulle canterine, per quanto ancora drammaticamente stonate, è fantastico.
si canta di tutto, alla tatenna: da "mattone su mattone" all’"arca di noè", dai "pirati del mar dei sargassi" a "whisky il ragnetto", da "pim pam" alla "baleniera", pssando ovviamente per un vasto repertorio di canzoni di natale, perfino quelle in napoletano come o’presepe (roba da fare sganasciare dal ridere i due bisnonni napoletani delle fanciulline…).
ma la vera passione delle mie figlie, la hit dell’inverno 2011-12, ha un ritornello che fa:

"…CARRAMBA! BEVIAMO DEL WHISKY!! YUHUUU!!
CARRAMBA! BEVIAMO DEL GIN!!…."

è una divertentissima canzone che parla di un gruppo di briganti che brindano, ridono e cantano insieme. tutti, tranne uno che è innamorato e pensa alla sua bella…
quindi, se passate da borgomostri e sentite voci infantili che gridano "beviamo whisky! beviamo whisky! beviamo whisky!" (non so perchè, il gin non se lo ricordano) a ciclo continuo, vi prego, vi prego, non chiamate gli assistenti sociali…

Category: varie  One Comment

pazienza da paperella

Liguria, estate 2011.
Dopo aver girato la regione in lungo e in largo, con le patafrulle ed alcuni amici, rientriamo cotti e accaldati in appartamento per la sera. Due trofie al pesto, per non tradire l’atmosfera, e le pupe volano a letto nella stanza accanto. La paperella la prende bene: dopo tutto il sole e il mare e i giri è cotta come una zucchina. La leprepazza, che durante l’estate ha scoperto la voglia di vivere, non ne vuol sapere di chiudere gli occhi e strilla come un’aquila. Nella stanza accanto noi grandi, troppo cotti anche per giocare, chiacchieriamo e studiamo l’avventura da intraprendere l’indomani. L’interfono con la camera della bimbe si attiva.

l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"
p: "mamma, babbo, la leprepazza piange…"
noi: "sì, stai tranquilla, tua sorella è solo molto stanca. tu girati di là, vedrai che tra poco si calma da sola."

passa qualche secondo.
p: "ma non mi lascia dormire perché piange!!"
l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"
b (colto da ispirazione): "e tu prova a calmarla..."

attimo di silenzio perplesso.
p: "dai, leprepazza, non piangere..."
l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"
p: "dai, ci sono qua io, con te!"
l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"
p: "dai, ti canto una ninna nanna: stella stellina…."
l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"
p: "...leprepazza? LEPREPAZZA!!!"
l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"
p: "LEPREPAZZA DAI, DORMI!!!"
l: "UEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!"

p: "… BABBO, MA NON MI ASCOLTA!!!"

Category: varie  2 Comments

PPProblemi di PPPronuncia delle PPParole

leprepazza: "pappo! pappo! ‘ove sei?"
paperella: "ma nnno, sorella, si dice BABBO, non pappo!!"

l: "ecco, mijia sciappa e mijio pappello!"
p: "CAPPELLO, non pappello, leprepazza, dai!"

l: "questa è mijia bamboa Simpa!"
p: "ahahahah! si chiama SIMBA, non Simpa!! ma come, non sai il nome della tua bambola?"

paperella: "mamma, non trovo più il mio coniglio, il mio cupazzo per dormire! mamma, guarda che io non posso dormire senza il mio cupazzo, eh?!"
leprepazza: "PUPAZZO!!!!"
e se ne va sogghignando e sballonzolando, tutta soddisfatta.
questa bambina mi farà impazzire.

Category: varie  6 Comments

notizie

macchina. andando al fantateatro.

p: "mamma, quando mi sposo, io ti invito! a te e al babbo."
io: "ah… grazie!"
p: "vi telefono e vi invito, ba bene?"
io: "sì sì, troppo gentile!"
p: "ma una telefonata veloce veloce, eh?"
io: "sì, immagino… ciao mamma, domani vieni alle 16 lì. mi sposo. ciao. clic."
p: "già. però se siete morti non posso."
io e il babbo, lievemente disturbati: "beh, noi spereremmo di essere vivi e vispi, per quel tempo!!"
p: "sì sì, ma magari no. magari sentite un pizzicore e dopo un po’ morite."
noi: "!!!!!!!!….!!!!"
p: "beh, comunque se non siete morti vi invito. ba bene?"

segnare in agenda: "se non sono morta, andare al matrimonio della paperella."

Category: varie  3 Comments

traduzioni e precisazioni

io: "allora, vi siete divertite a scuola?
p: "sìììì, io ho giocato con filippo con i cubetti blu e rossi."
l (rispondendo per la prima volta in vita sua a questa quotidiana domanda): "a’cche io giocato tanto!"
io, esterrefatta: "leprepazza, e a cosa hai giocato?"
p: "io mamma ho giocato anche nella cucina, sai, con checco e benedetto e la giorgia e..."
l: "gliosa e ‘zullo!"
p: "stai zitta sorella, non si interrompe che sto parlando io!"
io: "ma dai paperella, fai parlare anche tua sorella, che non ha mai raccontato nulla della scuola!"
l: "gliosa e ‘zullo!"
io: "mhm.. rosa e azzurro?"
l: "shi!"
io: "rosa e azzurro che cosa?"
p, ancora offesa: "ha giocato con il bambolotto con il vestito rosa e con quello col vestito azzurro, no?"
l: "shi. io giocato coi bamboli!"
io: "con le bambole?"
p: "no, con i bamboli, mamma: quello col vestito azzurro è un maschio!!"

Category: varie  Leave a Comment

menu festivi

ieri la patafrulle son rientrate a casa dopo 3 giorni nella casa al mare dei nonnigiù.
inizialmente i nonni dovevano tenercele per permetterci di fare un viaggettino tete-a-tete, 2 giorni all’anno si può! peccato che il maritonzolo (che non si ammala da 2 anni) abbia ben pensato di farsi venire 40 di febbre esattamente per quei 3 giorni lì. caso vuole che sia guarito giusto giusto per rientrare al lavoro oggi.
caso? subconscio? chissà.
comunque, visto che il babbo era finalmente sfebbrato, ieri sera le patafrulle sono rientrate alla base. mentre asciugavo dopo il bagnetto una chiacchiericcia leprepazza, tanto per continuare a sentire la sua nuova vocina che ormai non tace mai, ho intavolato conversazione.

io: "e allora, che hai fatto dai nonnigiù?"
l: "mhm… manhgiato!"
io: "hai mangiato? ma quanto?"
l: "taaaanto!!" (dato confermato anche dai suddetti nonni)
io: "e cosa?"
l: "...’iso… pa’ttta… e coccoggillo."
io: "scusa, non ho capito beneriso, pasta e cos’altro?"
l: "coccoggillo, mamma, cocccccodddillo!"
io: "coccodrillo?"
l: "shi mamma! ‘iso, pa’tta e coccodgillo."

vi siete dati alle ricette innovative, nonni?

Category: varie  One Comment